Chamboursin

La vite Chamboursin è stata coltivata dal francese biochimico Johannes Seyve. La vite genitrice non è conosciuta. Dalla Chamboursin e dalla Diana (una coltivazione da Müller-Thurgau e Sylvaner) è stata coltivata la reggente vite PIWI.
Anche se sorta in Francia nel 1963, la Chamboursin verrà piantata prevalentemente negli USA, a sud-est degli Stati. Inoltre è presente anche in Australia e in Portogallo.
La vite è di forte crescita e rende bene. Sbuca presto (appena dopo la Maréchal Foch, qualche giorno prima del Merlot), fiorisce infatti prima del Merlot, ma matura due buone settimane più tardi. Senza una correzione di sostegno la qualità non è soddisfacente.
I lunghi internodi, la poca crescita verticale (pochi viticci) e le foglie grandi, esigono più spazio rispetto alle altre sorti di vite, per esempio Merlot o Cabernet Sauvignon.
I grappoli sono molli, diventano molto grandi, i chicchi sono rotondi, anche grandi e hanno una pelle grossa, poco attraente anche per i moscerini.
È resistente ai funghi di poronospera (sia veri che falsi) e contro il grigio marcio.
I vini manifestano uno spiccato aroma che ricorda le bacche rosse, come per esempio lamponi o ciliegie e nelle buone annate prugne e susine. Sono eleganti e armoniosi e nelle buone annate possono perfettamente tenere il passo con il Merlot.